lunedì 4 aprile 2016

Pancia e fianchi: così li snellisci

Spesso il peso in eccesso si concentra in alcune zone: nelle donne sono pancia e fianchi i bersagli preferiti. Ecco un programma completo per intervenire, coi cibi giusti, il movimento, il massaggio…
Con il termine adiposità localizzate sono chiamati quegli odiosi rotolini di grasso che si formano su addome e fianchi, spesso nel periodo della menopausa. È un problema che può non risolversi con le sole diete, perché non è soltanto il frutto di un’alimentazione scorretta e della mancanza di movimento. 

È il segnale dei cambiamenti metabolici che avvengono nel corpo della donna dopo una certa età e anche, in un certo senso, la rappresentazione simbolica del disagio emotivo con cui spesso viene vissuto il cambiamento. Proprio la zona in cui si accumulano questi sgraditi cuscinetti (addome, fianchi, fondo schiena), evoca la stasi emotiva di una femminilità che tende a spegnersi perdendo l’armonia delle forme. Per smaltire questo adipe, quindi, non bastano una dieta e sedute di ginnastica. Occorre una strategia che tenga conto di un elemento: la capacità di adeguarsi al mutamento con equilibrio, senza perdere femminilità e gioia di vivere. Solo così, con la mente e il corpo che lavorano in simbiosi, si possono seguire nuovi stili di vita necessari per rimanere in forma, mantenere un peso corretto e conservare il benessere dell’organismo.

Alimentazione snellente: le regole base

– Vitamine della verdura, di tutti i colori, cruda o appena scottata e a vapore per non perdere i sali minerali.
– Frutta di stagione, tutta, da consumare tra un pasto e l’altro e a colazione.
– Proteine vegetali dei legumi, con la presenza preponderante della soia e i suoi derivati.
– Cereali, meglio se integrali per il maggior apporto di vitamine e fibre.
– Proteine del pesce e in particolare del pesce azzurro, per l’apporto di Omega 3, lipide indispensabile, insieme alla vitamina C, per mettere in moto la lipolisi che scioglie davvero i depositi adiposi. Se il pesce non ti è gradito o non puoi mangiarlo, puoi optare per un integratore come l’olio di semi di lino (un cucchiaio il mattino un quarto d’ora prima di colazione).
– Proteine animali, con moderazione e comunque meglio carne bianca e magra, uova, yogurt magro, ricotta, evitando tutti i formaggi stagionati.
– Frutti a guscio e semi in piccole quantità ogni giorno per l’apporto di vitamina E.
– Modera il sale e usa per condire limone, aceto di mele, erbe aromatiche e spezie con olio extravergine di oliva misurato a cucchiaini, non più di 3 o 4 al giorno.
– Non consumare zuccheri raffinati e fai attenzione agli zuccheri nascosti nei prodotti industriali. Usa miele o sciroppo d’acero o la polvere di foglie di stevia, priva di calorie.

Il massaggio che riduce i “rotolini”

Passa su pancia e fianchi un guanto di lino o microfibra inumidito con acqua tiepida in cui avrai fatto sciogliere un cucchiaio di sale del Mar Morto. Sulla zona ancora umida massaggia fino ad assorbimento la miscela di oli descritta nel box sottostante con movimenti che partono da destra verso sinistra seguendo la rotondità dell’addome e pizzicando i lobi adiposi per aumentarne l’iperemia. Se i centimetri da perdere non sono molti, già dopo 4 settimane di massaggio (unito alla dieta descritta qui sopra), i risultati ti ripagheranno del sacrificio. Se il problema è più stratificato, occorreranno due o tre mesi o più. In ogni caso non smettere con le buone abitudini acquisite perché l’accumulo di grassi è sempre in agguato.

L’esercizio tonificante

Impara a respirare col diaframma e la pancetta sparirà prima. Fai così: sdraiata, con la testa e i piedi leggermente sollevati, inspira profondamente con il naso gonfiando l’addome (devi sentire la pancia che si gonfia come un palloncino), quindi spingi fuori l’aria dalla bocca semiaperta usando i muscoli addominali. Puoi aiutare l’azione tenendo le mani sui muscoli fino a quando si saranno rinforzati. In questo modo il diaframma esercita una sorta di massaggio interno che smuove la circolazione linfatica in tutta la zona addominale e favorisce la lipolisi. Fai ogni giorno qualche minuto di questa respirazione e falla anche durante il giorno in piedi, concentrandoti sui muscoli che lavorano. Sarà un piccolo angolo di relax che migliorerà l’umore, la digestione e renderà più luminosa la tua pelle.

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari